Peccato”. La parola ripetuta più volte da coach Ceccarelli in sala stampa a fine partita inquadra perfettamente il rammarico con il quale la XL EXTRALIGHT® esce dal PalaDeAndrè. Vince e con merito la OraSì Ravenna, più lucida e fresca nel finale, ma la Poderosa non demerita affatto, anzi. I gialloblu tengono in scacco la quotata formazione romagnola per almeno 35’, ma calano vistosamente nel finale cedendo sotto i colpi di Montano (0 punti all’intervallo, 16 alla fine) e Masciadri. Non basta un Powell che cancella la serataccia di Bergamo con 24 punti e tanta sostanza per fare bottino pieno al palas ravennate, che ha accolto tra uno scroscio di applausi i due grandi ex Ceccarelli e Rivali (cui è stato dedicato pure un lunghissimo striscione di ringraziamento).

Il primo tempo è Rice contro tutti. La guardia americana fa impazzire la difesa gialloblu e confeziona addirittura 22 punti nei primi due quarti, ma la Poderosa c’è e già sul finire del primo periodo prende il comando delle operazioni. Powell mette alle corde Grant, la difesa funziona a dovere e pur senza andare mai oltre il +5 i veregrensi tengono il naso avanti senza patemi fino all’intervallo lungo (41-44). Scende Rice nella ripresa e Ravenna non pare trovare alternative ad inizio ripresa: una fiammata di Corbett alimenta il parzialone che spinge la XL EXTRALIGHT® a +12 (48-60 al 25’) ma dal nulla si accende un fin lì assente Montano: un paio di triple dell’ex Fortitudo riportano la OraSì in scia a fine terzo periodo (61-65 al 30’), ma la Poderosa pare poter tenere botta. Ma è di nuovo Montano a dare la spallata: altre due triple e Ravenna mette per la prima volta il naso avanti dopo un’eternità a 5’ (72-70). Gueye risponde dall’arco per riportare avanti la Poderosa, ma è un fuoco di paglia: Grant prende il controllo delle plance, Montano e Masciadri colpiscono a ripetizione e quando Rice torna a segnare dopo un eternità con la tripla del +7 (84-77 a 40” dalla sirena) partono i titoli di coda sul match. Sconfitta che lascia l’amaro in bocca, ma anche diverse certezze: la Poderosa resta seconda, anche se in coabitazione con Bologna e Udine (le prossime due avversarie gialloblu), ma soprattutto si è dimostrata una volta in più una squadra vera.

Queste le parole di coach Ceccarelli in sala stampa: “Innanzitutto ci tengo a ringraziare la società e tutta la città di Ravenna per l’accoglienza che mi e ci hanno riservato. Per me non è stata una partita come le altre e lo sapevo che sarebbe stata così. Non si scappa dalle emozioni. Per fortuna con la partita mercoledì ho iniziato a pensarci più tardi altrimenti sarebbe stata una lunga settimana. La parola che mi viene in menta è peccato. Vorrei rigiocare questa partita senza gli impegni per le Nazionali che ci hanno costretto a giocare a Bergamo mercoledì. Si è visto nell’ultimo quarto il perché per tre quarti abbiamo seguito il piano partita, abbiamo attaccato come volevamo e abbiamo difeso come volevamo, tenendo Ravenna a 60 punti in tre quarti a casa loro. I 29 subiti negli ultimi 10’ sono frutto di questa stanchezza. Non siamo riusciti ad uscire su alcuni tiri di Masciadri, un canestro in transizione di Montano ci ha fatto male. Complimenti veri alla mia squadra perché per 38’ abbiamo dato una partita vera a questo meraviglioso pubblico. Qui è difficile vincere, anche Trieste se l’è dovuta sudare. Siamo tornati da Bergamo alle 6 di mattina, venerdì e sabato sono stati più che altro di recupero con giusto due concetti da inserire su di loro. E li abbiamo eseguiti per 38’, premesso che negli ultimi 2’ non siamo andati fuori partita. Ci sono anche gli avversari e in questo caso sono di assoluto livello. Ho dovuto spremere tanto i titolari, forse troppo dopo un infrasettimanale. Ma quando arriva la mareggiata credo che debbano essere loro a stare sulla barca. E l’hanno fatto. Ravenna ha meritato la vittoria perché, come nelle altre partite casalinghe, nel finale mette la quinta grazie al roster profondo che ha a disposizione. Ora ci riposiamo un giorno, ma da martedì siamo al lavoro perché arriva la Fortitudo. Sapevamo che a dicembre il calendario sarebbe stato duro, ma domenica abbiamo bisogno di tutto il sostegno del nostro pubblico. La società lo merita, la squadra lo merita”.

 

ORASI’ RAVENNA-XL EXTRALIGHT® MONTEGRANARO 89-81

RAVENNA: Scaccabarozzi ne, Montano 16, Sgorbati, Giachetti 7, Chiumenti 6, Raschi, Esposito 3, Masciadri 16, Cinti ne, Vitale, Rice 28, Grant 12. All.: Martino.

MONTEGRANARO: Angellotti ne, Scocco ne, Rivali 9, Campogrande 3, Maspero, Treier 6, Zucca, Corbett 19, Amoroso 11, Powell 24, Gueye 9. All.: Ceccarelli.

PARZIALI: 22-25, 19-19, 18-19, 29-18.