Vincere ribaltando pure il -14 del match di andata sembrava un’impresa per la XL EXTRALIGHT®. E invece i gialloblu, dopo un avvio di gara stentato, travolgono la Bondi Ferrara con un irresistibile secondo tempo. Dopo un avvio sonnacchioso, i gialloblu salgono man mano di colpi esplodendo fragorosamente nel terzo quarto, quello nel quale annichiliscono gli estensi con energia in difesa, le ormai solite prestazioni dei tre tenori Corbett, Powell e Amoroso (61 punti in 3) e un supporting cast tornato ai livelli di inizio stagione, con a spiccare la prova di Zucca (13 punti, massimo in carriera in A2).

Chissà se sarà stato l’inusuale orario delle 12 ad appesantire le gambe dei veregrensi nei primi minuti del match, nei quali la Poderosa non sembrava riuscire a trovare il bandolo della matassa. Lenta in difesa, macchinosa in attacco, la squadra gialloblu ha prestato il fianco ad una Ferrara brava a sfruttare tutte le amnesie gialloblu, in particolare con la classe di Hall (11 dei suoi 17 punti nel primo quarto) e le leve infinite di Fantoni. La Bondi schizza in un amen a +11 (9-20 al 6’ con tripla di Moreno) e allora ci pensa Corbett a scuotere i suoi dal torpore. Le invenzioni del “Pistolero” almeno danno continuità offensiva alla XL EXTRALIGHT®, che però dietro continua a lasciare voragini. Qualche dubbio fischio arbitrale innervosisce Ferrara e con un fallo tecnico sfruttato a pieno da Powell nel cuore del secondo quarto la Poderosa mette per la prima volta il naso avanti (34-33 al 14’). Ora è battaglia vera e la partita sembra destinata al testa a testa quando al fischio di metà gara il tabellone luminoso dice 44-46.

E invece dagli spogliatoi esce una Poderosa radicalmente trasformata. I canestri di Corbett e Zucca suonano la carica, Amoroso ci aggiunge la sua classe infinita, il resto lo fa l’energia difensiva della truppa di coach Ceccarelli, che in men che non si dica produce un parziale di 19-4 (63-50 al 25’). Con la museruola ad Hall e Cortese, la Bondi fa una fatica tremenda a trovare il canestro e i gialloblu ne approfittano per azzannare al collo gli ospiti. Il lavoro lo completa nell’ultimo quarto Campogrande, che la tripla del +24 (90-66) a 7’ dalla sirena mette Ferrara con tutta la testa sott’acqua. Gli estensi non ne hanno nemmeno per provare a difendere la differenza canestri nello scontro diretto, la XL EXTRALIGHT® ha talmente il sangue agli occhi che lo stesso Campogrande non si accorge delle indicazioni dalla panchina di non andare a canestro firmando ad un briciolo dalla sirena il 100° punto gialloblu.

È un tripudio totale davanti alle telecamere di Sportitalia: vittoria, scontro diretto ribaltato, Trieste cancellata, terzo posto conservato. Lo sguardo si volge ora verso gli altri campi e verso il match di domenica prossima: a Roseto contro gli Sharks ultimi della classe sarà vietato fallire.

Queste le parole di coach Ceccarelli in sala stampa: “Per la nostra prima volta davanti a delle telecamere nazionali direi che abbiamo fatto un’ottima impressione. Per questo mi è dispiaciuto per il nostro pubblico l’orario dell’incontro. Stiamo creando una famiglia qui al PalaSavelli, soprattutto grazie al lavoro del nostro entourage societario, e di sicuro l’orario di inizio avrà scoraggiato qualcuno oggi. Speriamo che ci abbiano visto da casa e che dalla prossima tornino a sostenerci. Venendo alla gara, se la gente che è venuta a vederci dopo il primo tempo è rimasta al palazzetto dobbiamo ringraziarli. Se se ne fossero andati chiedendo il rimborso del biglietto sarebbe stato giusto. Molto male soprattutto nel primo quarto, abbiamo sbagliato l’approccio difensivo, forse abbiamo pensato di poterla vincere giocando a 100 punti dal primo quarto, ma ci hanno fatto capire che non sarebbe stato così. Per fortuna abbiamo subito resettato grazie all’energia arrivata dalla panchina. Maspero, Treier, Campogrande e Zucca hanno veramente ricucito la partita, sono stati loro a riprenderla. Poi i senior hanno scavato il solco. Al di là di punti, azioni e schiacciate, è che i ragazzi sono tornati ad avere la faccia giusta, di quelli che si alzano dalla panchina e sanno di avere la fiducia di tutti”.

Queste le parole di Zucca in sala stampa: “Avevamo in testa la partita di andata, eravamo in missione per rifarci e ribaltare la differenza canestri. Credo che la partita di oggi abbia dimostrato la differenza di valore tra le due squadre, non quella dell’andata dove avevamo avuto un po’ di sfortuna. Sarà stato l’orario atipico ma siamo partiti assonnati, nella ripresa abbiamo cambiato marcia e non sono più riusciti a starci dietro. Siamo una squadra leggera, che ama correre e oggi questo ha fatto la differenza”.

 

XL EXTRALIGHT® MONTEGRANARO-BONDI FERRARA 100-76

MONTEGRANARO: Angellotti ne, Scocco ne, Rivali 2, Campogrande 16, Maspero 2, Treier 1, Zucca 13, Corbett 25, Amoroso 18, Powell 18, Altavilla, Gueye 5. All.: Ceccarelli.

FERRARA: Mancini ne, Rush 9, Drigo ne, Hall 17, Fantoni 25, Carella ne, Molinaro 3, Cortese 11, Venuto 5, Panni, Moreno 6.  All.: Martelossi.

PARZIALI: 20-28, 24-18, 33-14, 23-16.