Ora i playoff sono davvero a un passo, forse anche meno. La XL EXTRALIGHT® sfodera la miglior prestazione difensiva della stagione nello scontro chiave contro la OraSì Ravenna e centra un successo autoritario ma soprattutto cruciale guardando alla classifica: con 6 punti di vantaggio sul nono posto a quattro giornate dal termine della regular season, quell’obiettivo che sembrava impensabile a inizio stagione e che si è via via andando concretizzando nel corso dei mesi è ormai vicino come non mai. È stata una Poderosa diversa dal solito, meno scintillante in attacco ma tremendamente efficace nella propria metà campo, capace di sopperire alle minore fisicità (ecco spiegato il 23-41 nel duello a rimbalzo) con un’aggressività ed un’organizzazione difensiva che hanno tolto il fiato ai romagnoli, forzati a ben 25 palle perse e tenuti in piedi solo dal trio Rice-Grant-Masciadri, che ha prodotto 54 dei 60 punti giallorossi.

I veregrensi serrano le fila dietro sin dai primi minuti, con un Rivali in versione Arsenio Lupin (5 palle recuperate nel primo tempo) e i canestri di Powell e Amoroso a confezionare il primo strappo gialloblu (14-4 al 6’). Un piccolo passaggio a vuoto a inizio secondo quarto zavorra la Poderosa, ma una fiammata di Rivali rilancia la fuga gialloblu (27-14 al 15’). La OraSì fa salire l’intensità in difesa e in attacco con Rice e Grant si tiene in linea di galleggiamento, ma il +8 di metà gara (39-31) resta comunque confortante per la XL EXTRALIGHT®. I romagnoli provano a dare tutto in avvio di ripresa. Le triple di Masciadri riportano Ravenna più volte a -2, qualche lampo di un Corbett reduce da un primo tempo da 0 punti tiene su la Poderosa nel momento più delicato del match e la partita sembra destinata al testa a testa. E invece nel quarto periodo gli ospiti mollano di schianto: due triple in fila del capitano ad aprire l’ultimo periodo ricacciano Ravenna oltre la doppia cifra di svantaggio e quando Corbett marchia dall’arco il canestro del +15 (66-51) con mezzo periodo ancora da giocare la partita è di fatto già in archivio. Il pressing a tutto campo ordinato da coach Martino non dà effetti, Campogrande aggiorna il massimo vantaggio sul +21 (79-58) e il canestro finale di Rice fissa il 79-60 della sirena.

Vittoria, scontro diretto ribaltato, terzo posto consolidato: bene, anzi benissimo, così in vista della serata di gala di sabato, quando, alle 20.30, la XL EXTRALIGHT® potrà non solo chiudere i conti per i playoff, ma addirittura giocarsi le residue chance di secondo posto al PalaDozza contro la Consultinvest Bologna.

Queste le parole di coach Ceccarelli in sala stampa: “Mi viene in mente quello che può essere un punto di svolta per la nostra stagione: 14 giorni fa perdevamo in casa con Bergamo facendo una figura barbina, da lì andiamo a vincere a Mantova al supplementare ed oggi tiriamo fuori questa partita qua contro una squadra che venti giorni fa era in finale di Coppa Italia e due settimane fa ha battuto in casa Bologna. Una vittoria che va nella storia insieme a quelle contro la Fortitudo e Treviso perché Ravenna è da anni che staziona in A2 con ambizione. Hanno fatto 25 palle perse, ce le rivedremo ma a prescindere dal dato abbiamo difeso alla grande. Ci siamo sorpresi un po’ tutti, ma chiunque è andato in campo si è sbattuto, ha preso ginocchiate, calci e li ha ridato indietro. Se subiamo 60 punti vinciamo sempre, perché poi abbiamo qualità in attacco per trovare delle soluzioni buone. Poi se Rivali va in doppia cifra per noi è tanta roba perché le difese non possono battezzarlo e porta a scuola tutti come da anni fa in questa categoria. Nomino solo Corbett che ha fatto una partita molto intelligente. Era a 0 punti all’intervallo, marcato da dei segugi come all’andata, ma ha preso falli e smazzato 5 assist. Ha capito che era la partita di qualcun altro ma aiutato i compagni in altro modo. Senza dimenticare che spesso lo mandiamo in difesa contro il giocatore americano più forte, come oggi con Rice, forse il miglior esterno del campionato. I playoff non sono ancora matematici ma direi che ci siamo quasi. Ma gli stolti si accontentano: siamo a quattro giornate dalla fine della regular season, ora ci divertiamo. Andiamo a Bologna sabato sera con un sorriso sulle labbra che inizia a Porto San Giorgio e finisce al PalaDozza”.

Queste le parole di Rivali in sala stampa: “Abbiamo fatto una grande partita. Siamo stati in grado di farli sembrare meno forti di quello che sono. Hanno provato a rientrare in partita nel terzo quarto, ma siamo stati bravi a resistere e poi a dare la spallata definitiva nell’ultimo periodo. Avevamo bisogno di questa vittoria per chiudere il discorso playoff, perché anche se non ci basta a livello matematico direi che ormai siamo dentro. Ed è una grandissima soddisfazione perché ce lo siamo meritati con una stagione incredibile. Siamo stati dentro il piano partita, sapevamo avrebbero cercato molto Rice spalle a canestro e avrebbero sfruttato la potenza di Grant, ma siamo stati molto bravi. Fa brutto dirlo, ma abbiamo davvero dominato, restando in controllo per tutti i 40’ a parte quel passaggio a vuoto nel terzo quarto”.

 

XL EXTRALIGHT® MONTEGRANARO-ORASI’ RAVENNA 79-60

MONTEGRANARO: Angellotti, Rivali 15, Campogrande 6, Maspero, Treier 2, Zucca, Corbett 10, Amoroso 18, Nikolic ne, Powell 20, Altavilla ne, Gueye 8. All.: Ceccarelli.

RAVENNA: Montano 3, Sgorbati, Giachetti, Chiumenti, Raschi 3, Esposito ne, Masciadri 16, Vitale, Rice 23, Grant 15. All.: Martino.

PARZIALI: 17-9, 22-22, 14-17, 26-12.