Non è stata solo la partita che segnato l’accesso ai playoff quella di domenica scorsa contro la Gsa Udine. E’ stata anche la prima uscita ufficiale della nuova mascotte ufficiale gialloblu. La sua “casa” stazionava al PalaSavelli già da qualche giorno e l’indizio aveva lasciato intuire qualcosa, ma la tigre Ettore ha fatto la sua prima comparsa durante il riscaldamento delle due squadra, intrattenendo ed allietando grandi e piccini.

L’idea della mascotte frullava già da un po’ tra le idee della dirigenza, ma si è concretizzata grazie all’intervento di Gabriele Tassotti, titolare di VIS Autotrasporti. “La Poderosa sta facendo tanto per i giovani e per il territorio – spiega Tassotti – e allora mi sono sentito di voler fare qualcosa per dare un contributo a questa bella e dinamica realtà. Confrontandomi con lo staff gialloblu è nata l’idea della mascotte, un modo in più per coinvolgere e divertire i più piccoli“.

Perché il nome “Ettore”? Non c’è un motivo preciso. L’idea era quella di rifarsi ad un nome della mitologia greca, richiamando i valori della forza, della lealtà e del vigore. Valori “poderosi”, insomma! Molto più naturale la genesi del numero 93 che campeggia sulla canotta blu del tigrotto poderoso: rappresenta l’anno di nascita della società veregrense.