Home
Poderosi da esportazione #6
Scritto da Marco Pagliariccio   

Image 

Altro giro, altra settimana in giro per l’Italia con le prestazioni dei nostri ragazzi sparsi lungo lo Stivale con la nostra rubrica “Poderosi da esportazione”.

Partiamo come sempre dalla Serie B, che in settimana ha vissuto un doppio turno. La Gessi Valsesia di Adem Catakovic e Mattia Magrini ne esce con due sconfitte, una bruciante a domicilio contro Firenze e l’altra più netta sul parquet di Varese. Sempre in grande spolvero la guardia osimana, che ne rifila 22 ai toscani e 19 (con 7 rimbalzi) ai lombardi, mentre il lungo di origini bosniache gioca 10’ segnando 4 punti contro la Fiorentina mentre si ferma per un leggero infortunio muscolare nel match contro la Robur et Fides. Sta pian piano ritrovando confidenza col campo invece Riccardo Callara, anche se la sua Montecatini cade due volte in quattro giorni, prima a Milano e poi in casa contro Oleggio: nessun punto a referto in entrambe le partite ma 1’ sul parquet mercoledì scorso e 8’ questa domenica. Settimana double-face invece per la Rekico Faenza di Marco Perin nel girone B: i romagnoli battono Rimini nel derby con 13 punti e 6 assist in 23’ dell’esterno classe ’93, ma poi vengono travolti a Lecco con il nostro fermo a 5 punti e 3 assist in 24’. Continua invece nel segno dell’imprevedibilità la stagione di Teramo, travolta a domicilio da Pescara e poi capace di espugnare Matera. Ma il nostro Bogdan Milojevic mostra comunque grande solidità: 4 punti e 7 rimbalzi in 23’ nel derby abruzzese, 11 punti e 5 rimbalzi in 28’ in terra lucana. Nel girone D, doppio ko per la Scauri di Raffaele Marzullo, al tappeto prima a Salerno (3 punti in 23’ per la guardia classe ’98) e poi contro Valmontone, dove “Raffa” fa registrare il suo career-high a quota 14 punti.

In Serie C Silver, invece, si è giocato solo nel weekend. In Friuli Venezia Giulia, la Lussetti Servolana Trieste di Matteo Cernivani cade a Cordenons ma la guardia ex gialloblu mette comunque 10 punti a referto. Tornando nelle Marche, sempre dominante in vetta alla classifica la Mosconi Ancona di Matteo Redolf, che travolge Castelfidardo con l’ala a firmare 21 punti. Scontro “poderoso” evitato invece in Sutor Montegranaro-Sambenedettese: non sono scesi in campo per i rispettivi problemi fisici tanto Francesco Ciarpella quanto Giuseppe Angellotti nella vittoria netta dei veregrensi. Ancora un Carlo Ortenzi protagonista, invece, per la iCubed Pedaso, che sbanca Osimo anche grazie ai 14 punti del play-guardia da Macerata. Piccolo ma prezioso contributo per Riccardo Migliorelli (2 punti) nella vittoria di Falconara sul Bramante Pesaro, mentre continuano i dolori della Virtus Porto San Giorgio, che senza Simone Cimini frana pesantemente contro il Pisaurum Pesaro.

 
La XL EXTRALIGHT® mostra la manita, piegata anche Forlì!
Scritto da Marco Pagliariccio   

Image 

Secondo posto mantenuto, imbattibilità interna ben salda, un sogno ad occhi aperti ancora in mano. Una autoritaria XL EXTRALIGHT® trafigge senza appello la Unieuro Forlì, centrando una clamorosa quinta vittoria consecutiva che tiene i gialloblu nel terzetto alle spalle della capolista imbattuta Trieste nella classifica del girone Est del campionato di Serie A2. Una prova di maturità quella dei veregrensi, che anche in una giornata tutt’altro che memorabile al tiro e con un Corbett sotto i suoi altissimi standard (11 punti ma 0/6 da 3 punti), mettono fisico ed intensità per irretire una Forlì che, complice l’assenza dell’infortunato Diliegro, è stata capace solo nel terzo quarto di mettere davvero paura alla squadra di coach Ceccarelli. È stata la coppia Powell-Amoroso a fare malissimo ai romagnoli: 35 punti e 22 rimbalzi in coppia sono l’eloquente bottino del tandem gialloblu, imprendibile per lunghi forlivesi. Ma sarebbe ingeneroso non citare la bella prova di Gueye, determinante in difesa, a rimbalzo e anche al tiro, gonfiando la retina proprio nei momenti più delicati del match.

Sembrava potesse essere una passeggiata di salute per la Poderosa quando in avvio una Unieuro incapace di mettersi in partita colleziona palle perse su palle perse (ben 8 nei primi 10’) lasciando strada ad una XL EXTRALIGHT® cinica nel colpire sui punti deboli dell’avversaria. Il 22-7 del 9’ sembra già far capire che aria tiri e anche se nel secondo periodo i gialloblu frenano, il canestro a fil di sirena di Rivali per il 37-20 di metà gara sa già di viale del tramonto per le speranze di una Unieuro cui non riesce davvero nulla. La musica cambia drasticamente rientrando dagli spogliatoi e lo fa principalmente per i forlivesi ritrovano un Naimy fin lì spettatore non pagante. Tre triple in un amen del play israeliano scuotono la Unieuro contro una Poderosa che invece sembra presa in contropiede. In 5’ Forlì realizza 21 punti dopo averne messi 20 nei primi 20’ e quando pure Jackson morde dall’arco i biancorossi sono addirittura a -2 (43-41 al 25’). Nel momento più complicato dalla serata, è Gueye a firmare la tripla che ridà fiato ai gialloblu, poi qualche lampo di Corbett li tiene su mentre la difesa cerca ancora le contromisure ad una Unieuro che sembra una squadra diversa da quella vista nel primo tempo. Gli ospiti, però, finiscono la benzina proprio quando sembravano averne di più: la difesa veregrense ringhia su ogni pallone, costringendo Forlì a restare all’asciutto per 6’ e quando Bonacini sblocca i suoi la Poderosa era già scappata di nuovo a +16 (64-48 al 35’). Il play-guardia biancorosso è l’ultimo ad arrendersi, ma una tonante schiacciata di Powell chiude i conti e fa esplodere i 2500 del PalaSavelli. Altro giro, altra impresa e domenica è tempo di derby: all’Ubi Bpa Sports Center di Jesi ad aspettare c’è la Termoforgia per un match che pochi ad inizio stagione avrebbero pronosticato potesse valere il secondo posto.

Queste le dichiarazioni di coach Ceccarelli in sala stampa: “Complimenti ai ragazzi perché per tre quarti hanno fatto esattamente quello che avevo chiesto in settimana e cioè sfruttare l’assenza di Diliegro. Se la squadra avversaria scende da noi senza il suo centro titolare dobbiamo farglielo pesare e per lunghi tratti ci siamo riusciti. Complimenti anche a Forlì che pur rimaneggiata e con problemi di falli ha tenuto la partita viva fino all’ultimo quarto. Sono soddisfatto al 75%, perché in tre quarti abbiamo subito rispettivamente 10, 10 e 14 punti non capisco perché in uno, il terzo, ne abbiamo presi 28. Su questo lavoreremo, anche se per tre quarti siamo stati in difesa quelli che vogliamo essere. In merito a Zucca, preciso che non c’è stata alcuna bocciatura per lui, semplicemente ieri mattina si è bloccato con la schiena, non riusciva nemmeno a tirare. Oggi abbiamo provato lo stesso, poi viste le condizioni ho fatto scelte diverse. Vorrei chiudere con un messaggio: non abituiamoci. Ho percepito un’aria da abitudine, l’aria dell’anno scorso quando dovevamo vincere il campionato e se a metà tempo eravamo a +17 era tutto normale. Quello che stiamo facendo non è normale, vincere di 15 contro Forlì non è normale, è una grande cosa. Io mi arrabbio perché prendiamo 28 punti in un quarto, ma vincere contro una squadra così, pur senza Diliegro ma con un grande coach come Valli, è una grandissima cosa. I nostri obiettivi sono chiari, siamo in un buon momento, ma dobbiamo essere contenti di ciò che stiamo vivendo. Perché poi al primo problema non possono venire fuori queste o quelle cose. Per questo chiedo a tutti coloro che oggi erano qua di venirci a dare una mano domenica prossima a Jesi”.

Queste le parole di Amoroso in sala stampa: “Abbiamo fatto una discreta partita, con un calo nel terzo quarto che avremmo dovuto evitare, ma avevamo anche speso tanto nei primi due e senza Zucca che di solito ci dà tanto è stato tutto un po’ più difficile. In ogni caso, è stata una dimostrazione di maturità la nostra saper reagire a quelle difficoltà: ci siamo stretti e abbiamo ripreso a difendere come prima. Forlì è una grande squadra, a maggior ragione con Diliegro potrà fare grandi cose. Per questo la nostra è una grande vittoria”.

 

XL EXTRALIGHT® MONTEGRANARO-UNIEURO FORLI’ 77-62

MONTEGRANARO: Angellotti, Rivali 2, Campogrande, Maspero 16, Treier, Zucca 2, Corbett 11, Amoroso 15, Urso, Powell 20, Gueye 11. All.: Ceccarelli.

FORLI’: Castelli 4, Fallucca 5, Naimy 10, Campori, Jackson 11, Gallera, Bonacini 12, Severini 7, Thiam 3, De Laurentiis 9. All.: Valli.

PARZIALI: 24-10, 13-10, 16-28, 24-14.

 
XL EXTRALIGHT®, occhi aperti, arriva Forlì
Scritto da Marco Pagliariccio   

Image 

Una vittoria per continuare a sognare. È quella che cerca domani (ore 18, PalaSavelli) la XL EXTRALIGHT® nella terza gara interna della stagione contro la Unieuro Forlì. Sfida ostica contro una squadra che evoca brutti ricordi alla società gialloblu: l’unico precedente in gara ufficiale tra le due squadre, infatti, è lo spareggio promozione di giugno 2016 a Montecatini, dove i forlivesi centrarono la promozione in A2 proprio a scapito della Poderosa. Da quel dì, però, di acqua sotto i ponti ne è passata molta, tanto che gli unici reduci di quella sfida amara per i nostri colori sono la guardia forlivese Davide Bonacini, oggi come allora tassello prezioso in uscita dalla panchina (7,4 punti, 2,4 rimbalzi e 3,4 assist di media finora) ed il nostro assistente allenatore Salvatore Formato.

La Forlì che si presenta oggi al PalaSavelli è squadra che finora ha rispettato alla grande il ruolino di marcia, vincendo tutte le tre partite casalinghe disputate (contro Imola, Mantova e Roseto) e cadendo con onore su due dei campi più caldi d’Italia, quello di Trieste e quello di Treviso. Trattasi quindi di squadra solida, con giocatori rodati per la categoria e con in panca un allenatore esperto e noto dalle parti di Montegranaro come l’ex Sutor Giorgio Valli. I romagnoli, però, dovrebbero avere un’assenza di peso: il lungo italoamericano Dane Diliegro ha riportato un infortunio al tendine d’Achille nel match di due settimane fa a Treviso e non dovrebbe essere della gara. Una tegola non da poco sotto le plance, visto che l’ex Verona stava portando alla causa 11,0 punti e 7,8 rimbalzi. I due fari a livello offensivo sono però gli altri due stranieri del roster biancorosso: il play israeliano, anche ex Nazionale, Yuval Naimy, che oltre ad essere il miglior assistman del girone a 6,8 di media griffa anche 17,0 punti col 44% da 3; e la guardia americana di passaporto maltese Darryl Jackson, che di punti ne mette 16,0 ad allacciata di scarpe col 39% dai 6,75. Il pacchetto esterni si completa, oltre che con il già citato Bonacini, con l’ala maceratese Giovanni Severini, giocatore dedito al gioco oscuro (4,4 rimbalzi a partita e tanta difesa) ma capace anche di colpire dall’arco (46% da 3 nei 7,2 punti di media), e Matteo Fallucca, che si alza dalla panchina portando 7,3 punti col 40% dall’arco. Sotto canestro, senza Diliegro, tante responsabilità per la coppia composta da Riccardo Castelli e Quirino De Laurentiis: 9,8 punti e 7,8 rimbalzi per il primo, 3,8 punti e 5,4 rimbalzi per il secondo. Ma occhio anche al giovane Iba Koite Thiam, che ha visto crescere il suo impiego fino alla bella prova contro Roseto di domenica scorsa.

Difendere l’imbattibilità interna per continuare a tenersi nei piani alti in classifica. Ma soprattutto mettere fieno in cascina in vista dei periodi di magra che, inevitabilmente, ci saranno.

La prevendita dei tagliandi, oltre che sul circuito Vivaticket, è aperta da stamattina alle 10 alla biglietteria del PalaSavelli di Porto San Giorgio, dove proseguirà fino alle 18 di questa sera per poi riaprirsi domani dalle 10 alle 12 al palasport di via Martiri d’Ungheria a Montegranaro. La biglietteria del PalaSavelli sarà invece operativa a partire dalle 16.30.

La gara sarà trasmessa in diretta streaming per gli abbonati sulla piattaforma online LNP Tv Pass e in diretta audio dal canale Spreaker della società Poderosa Live Radio (https://www.spreaker.com/user/poderosa), mentre andrà in differita lunedì alle ore 20.15 su TVRS (canale 11 del digitale terrestre). 

 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Pross. > Fine >>

Risultati 21 - 24 di 1044