Home
Il punto sulle semifinali dopo le prime due gare
Scritto da Marco Pagliariccio   

Image 

Sono solo quattro su otto le formazioni riuscite a conservare il vantaggio del fattore campo dopo le prime due partite delle serie di semifinale e quindi venerdì sera si giocheranno il match point per la qualificazione alle finali dei rispettivi tabelloni. Oltre alla XL EXTRALIGHT®, parliamo di Co.Mark Bergamo, Agribertocchi Orzinuovi e Paffoni Omegna. Ma partiamo dall’altra semifinale del Tabellone D, quello della Poderosa, con la Globo Infoservice Campli che, dopo aver sfiorato il colpo in gara 1, ha sbancato Barcellona Pozzo di Gotto in gara 2, portando la serie in Abruzzo sull’1-1. 71-66 per i siciliani in gara 1, con 2 punti in 15’ di Bogdan Milojevic e 11 punti e 5 rimbalzi in 36’ di Simone Gatti, mentre ieri è finita 56-63 con un super Milojevic da 12 punti e 6 rimbalzi in 25’ e un Gatti da 3 punti e 5 rimbalzi in 27’.

Nel Tabellone A, Bergamo ha fatto due su due contro la Gimar Lecco, dominando gara 1 per 79-60 e poi faticando in gara 2 ma comunque centrando la vittoria per 68-61. Colpaccio della Baltur Cento, invece, nell’altro match del tabellone, con gli emiliani che dopo aver perso gara 1 contro la Allmag Moncalieri per 71-65 sono andati a sbancare il PalaRuffini di Torino con un perentorio 52-82 in gara 2. Nelle fila piemontesi, brutte prove sia in gara 1 (0 punti in 24’) che in gara 2 (3 punti in 26’) per l’ex gialloblu Riccardo Coviello.

Nel Tabelloni B, mettono il turbo Orzinuovi e Omegna. La Agribertocchi ha domato senza problemi in entrambe le gare la All Foods Firenze: 80-61 in gara 1, 82-70 in gara 2. Buone le prestazioni dell’ex Poderosa Davide Rosignoli in maglia fiorentina: 6 punti e 9 rimbalzi in 29’ nella prima partita della serie, 2 punti, 12 rimbalzi e 4 assist in 29’ nella seconda. Meno agevoli i due successi della Paffoni contro la Bakery Piacenza di coach Furio Steffè: 68-61 in gara 1, 64-53 in gara 2 e venerdì si sbarca al PalaFranzanti.

Nel Tabellone C, invece, semifinali in perfetto equilibrio. La Generazione Vincente Napoli ha reagito al rovescio di gara 1 superando la Bpc Virtus Cassino a gara 2: 69-72 il punteggio del match di domenica scorsa, 85-78 quello di ieri sera. Sull’1-1 anche Lions Bisceglie e Citysightseeing Palestrina, con i laziali corsari in Puglia in gara 1 (54-62) ma poi sconfitti in gara 2 (72-61). Incisivo l’ex Poderosa Davide Serino: 4 punti e 8 rimbalzi in 21’ nella vittoria di gara 1, 10 punti e 6 rimbalzi in 14’ in gara 2.

 
Nota della società in risposta alle dichiarazioni del presidente della Amatori Pescara
Scritto da Marco Pagliariccio   

Image 

La Poderosa Pallacanestro Montegranaro, in merito alle dichiarazioni rilasciata dal Presidente della Amatori Basket Pescara, Sig. Carlo Di Fabio, in una videointervista pubblicata sulla pagina Facebook ufficiale della società, intende precisare quanto segue.

Le parole del Sig. Di Fabio ci sorprendono e rammaricano sotto ogni profilo. In primo luogo perché ledono l’immagine della nostra città, Montegranaro, e in secondo luogo perché distorcono la verità dei fatti. Il palasport di via Martiri d’Ungheria, definito dal Presidente “poco più di un letamaio”, è stato omologato dalla Federazione Italiana Pallacanestro ed è conforme alle normative in vigore sotto ogni punto di vista. Come conformemente alle normative vigenti si è comportata la Poderosa Pallacanestro Montegranaro per quanto riguarda l’accoglienza della società ospite nelle prime due gare della serie di semifinale. Sia in gara 1 che in gara 2 alla Amatori Basket Pescara sono stati riservati 9 accrediti e 100 biglietti, andando, in quest’ultimo caso, ben oltre il prescritto limite minimo del 10% della capienza (il palasport di Montegranaro è omologato per 828 spettatori) e riservando agli ospiti un intero settore della struttura nonostante i tifosi giunti dall’Abruzzo fossero 70 in gara 1 e 19 in gara 2. Tutti entrati regolarmente senza alcun tipo di problema. È stato persino riservato alla società pescarese l’unico posto auto disponibile nel piazzale antistante del palasport, proprio per cercare di mettere gli ospiti nelle migliori condizioni possibili.

Tutto è filato liscio insomma, nel segno della massima correttezza e sportività, grazie anche al lavoro delle forze dell’ordine presenti, cui va il nostro ringraziamento e la nostra solidarietà per le infelici parole usate dal Sig. Di Fabio ad indirizzo del loro operato.

Giova ricordare che non fu altrettanto piacevole il trattamento ricevuto dalla Poderosa Pallacanestro Montegranaro nella gara di ritorno di stagione regolare al PalaElettra di Pescara, dove la nostra società non ricevette alcun accredito e persino il nostro presidente fu costretto a pagarsi il biglietto di ingresso.

Nelle questioni tecniche non ci addentriamo troppo, dato che a parlare, come sempre, è il campo e sul campo quest’anno contro la Amatori Basket Pescara abbiamo raccolto quattro vittorie su quattro scontri diretti. Ciò ci fa essere fiduciosi in vista della gara 3 di venerdì sera: andremo a Pescara con l’obiettivo di chiudere la serie, ma anche stavolta sarà il campo a dire se ci saremo meritati o meno la vittoria. Capiamo il nervosismo del Sig. Di Fabio di fronte ai verdetti espressi dal rettangolo di gioco, ma riteniamo che fomentare situazioni che nulla hanno a che vedere con il basket giocato con parole lontane dall’oggettività dei fatti sia quanto di più lontano dai valori dello sport nei quali crediamo fermamente.

 
Vittoria da infarto, la XL EXTRALIGHT® piega Pescara a vola sul 2-0
Scritto da Marco Pagliariccio   

Image 

Con le mani, coi denti, col cuore. La XL EXTRALIGHT® arpiona in un convulso finale la cruciale vittoria che vale il 2-0 nella serie di semifinale contro la Amatori Pescara. Una partita orribile sotto il profilo tecnico (e il 46-44 finale dice molto in tal senso) ma con intensità, fisicità e anche qualche contatto proibito da livelli ben superiori. La Poderosa, sempre priva dell’infortunato Rivali, ha commesso l’errore di cadere nella bagarre voluta dagli abruzzesi in una serata nella quale i gialloblu hanno tolto il respiro a Pepe (1 punti con 0/12 dal campo e 5 falli) ma non sono riusciti a riprendere il filo della bella prestazione del secondo tempo di gara 1. Dove non è riuscita ad arrivare con la tecnica, però, la squadra di coach Ceccarelli è arrivata con determinazione e voglia di vincere.

Che sarà partita maschia lo si intuisce sin dai primi minuti, un po’ come era stato nell’avvio di gara 1. Ogni canestro della Poderosa è un parto e Pescara ne approfitta per prendere subito in mano le redini del match (4-10 al 4’). Anche stavolta è Di Viccaro a dare la scossa uscendo dalla panchina: una tripla e un assist al bacio per Paesano fanno fare capolino ai gialloblu (13-12 al 9’), ma la Amatori, pur con un Pepe spettatore pagante (0 punti nei primi 20’), stavolta c’è. I biancorossi la mettono sulla bagarre, la partita si infiamma e solo in vista della sirena di metà gara i liberi di Rizzitiello riportano la XL EXTRALIGHT® in perfetta parità (27-27). Rispetto a 48 ore prima, però, stavolta la Poderosa non riesce a sgasare nel terzo periodo, anzi. Il canestro si fa sempre più piccolo, si va avanti a piccoli strappi fino al rush finale, cui i gialloblu arrivano avanti di 3 (46-43).

A 14” il momento che può decidere il match: Gueye, commovente anche oggi in difesa su Pepe in combinato con Bedetti, entra in collisione con Valentini, che piomba a terra. Gli arbitri indicano il fallo della guardia gialloblu ed essendo il cronometro fermo è automatico l’antisportivo. La Amatori, però, non capitalizza: l’ala pescarese in lunetta fa 1/2 (46-44) e sulla successiva rimessa a metà campo Bini sbaglia una prima volta da 3, poi sul rimbalzo d’attacco la Poderosa può spendere il fallo senza mandare in lunetta i pescaresi, non avendo esaurito il bonus. Altra rimessa in zona d’attacco con 6” da giocare, nuova palla a Bini che fallisce il canestro del sorpasso. A rimbalzo vola più alto di tutti Diomede, che fa urlare di gioia i 700 della Bombonera e in particolare il presidente Dino Bigioni, che si regala un 75° compleanno da non dimenticare tanto in fretta. È 2-0, venerdì sera alle 21 al PalaElettra di Pescara la Poderosa ha già il match point per la finale sulla racchetta.

Queste la parole di coach Ceccarelli a fine partita: “Tutto come previsto: avevo detto dopo gara 1 che Pescara avrebbe provato ad alzare il livello di intensità in gara 2 e così è stato. Oggi non è stata una partita di pallacanestro, è stato un altro sport, anche perché il metro arbitrale ha fatto sì che fosse così. Su cambi difensivi loro hanno aggredito forte sui nostri lunghi e se non vengono fischiati dei falli poi diventa difficile giocare. Anche noi, però, avremmo dovuto essere più lucidi per tenere il match sui binari del gioco, quelli che ci sono più congeniali. L’unica nota positiva è la vittoria. Ma è anche un segno ulteriore del fatto che siamo una squadra vera, coesa e che in difesa, anche quando in attacco non riesce a trovare canestri da fuori o situazioni di vantaggio, riesce a fare la differenza. Ora dobbiamo solo pensare a riposare e a recuperare energie perché venerdì a Pescara sarà tosta come oggi se non di più”.

 

XL EXTRALIGHT® MONTEGRANARO-AMATORI PESCARA 46-44

MONTEGRANARO: Dip 8, Paesano 2, Rivali ne, Bedetti 2, Broglia 7, Callara ne, Rizzitiello 11, Di Viccaro 7, Gueye 5, Diomede 4. All.: Ceccarelli.

PESCARA: Pelliccione 1, Pepe 1, Rajola 9, Battaglia 5, Grosso 3, Valentini 4, Ucci, Di Donato 11, Bini 2, Capitanelli 8. All.: Salvemini.

ARBITRI: Valleriani e Lupelli.

PARZIALI: 13-12, 14-15, 8-10, 11-7.

 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Pross. > Fine >>

Risultati 37 - 40 di 952